Dalla scuola Scienze...

Gli studenti del Torricelli in Svizzera a visitare il CERN

Lo scorso novembre quindici studenti e studentesse delle classi quarte e quinte del nostro liceo, accompagnati da due insgnanti di fisica, si sono recati in soggiorno di istruzione a Ginevra, in Svizzera, dove hanno avuto la possibilità di visitare gli edifici del CERN (Consiglio europeo per la ricerca nucleare) e uno dei rilevatori sotterranei di LHC (Large hadron collider).

Il CERN, una sorta di “fucina della creazione”, dove i fisici tentano di ricreare le condizioni del nostro universo subito dopo il Big Bang è uno dei più importanti istituti nel campo della fisica delle particelle. Culla di alcune fra le più importanti innovazioni tecnologiche dell’ultimo secolo, fra le quali ricordiamo il World Wide Web,ovvero internet così come lo conosciamo oggi, e lo schermo tattile capacitivo, il tipo di touch screen attualmente utilizzato su smartphone e tablet. Luogo di grandi scoperte come l’identificazione dei bosoni W e Z e quella del bosone di Higgs, che valsero il premio Nobel rispettivamente a Carlo Rubbia e Peter Higgs.

Una pausa tecnica dell’acceleratore ha permesso al gruppo di accedere a una delle quattro caverne poste alla profondità di 100 metri che ospitano gli esperimenti dell’acceleratore. Una corsa in ascensore di circa sessanta secondi separa la superficie dal Compact Muon Solenoid, un enorme rilevatore alto 15 metri e dal peso di 12500 tonnellate che assieme ad ATLAS, ALICE e LHCb ha avuto un ruolo determinante nella verifica sperimentale delle teorie sul campo di Higgs. Questo viaggio è stato un’importante opportunità che ha permesso agli studenti di vedere da vicino cosa succede in un istituto di ricerca di alto livello e cosa si presenterà davanti a quelli di loro che avranno un futuro da ricercatore.

Andrea Nicoletto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *