Lo sapevi che... Off-Topic

Criminalità in Europa

La criminalità è un problema che affligge ogni comunità, dalla più civilizzata alla meno civilizzata. Anche nel Vecchio Continente i criminali non mancano.
Basti solo pensare che nel 2012 in Europa sono stati commessi circa 24.586.700 crimini. Ovviamente gli stati più popolati sono anche quelli con più furti avvenuti.
Dal 2002 al 2012 il 64% dei crimini in Europa sono avvenuti in Gran Bretagna, Turchia, Germania, Francia, Italia e Spagna.
La Turchia detiene il record di omicidi in Europa.
Al contrario di questi grandi stati, i cinque stati con meno criminalità avvenuta tra il 2002 e il 2012 sono corrispettivamente. Liechtenstein, Cipro, Montenegro, Malta e Islanda.
Il lato positivo in tutto ciò è che dal 2002 al 2012 i crimini sono calati notevolmente, esattamente del 12%.
Le variazione più rilevanti sono avvenute in Grecia (-54%), in alcune parti del Regno Unito (-25% in Inghilterra e Galles e -29% in Scozia), in Estonia (-19%) e in Slovacchia (-18%).
Tra i vari crimini, però, troviamo in rialzo i reati di natura sessuale (+67% violenza sessuale e +70% violenza sui minori). In calo invece gli omicidi (-65%) e i furti/rapine (-35%).
I dati Eurostat ci rivelano anche che nei delitti di violenza esistono aumenti significativi tra il 2007 e il 2012 in Lussemburgo (+38%), Ungheria (+26%) e Danimarca (+23%) e considerevoli diminuzioni in Lituania (-42%), Croazia (-33%), Scozia (-32%), Lettonia e Slovacchia (entrambe -30%) e Malta ( -27%).
Se dal 2002 al 2012 le rapine sono diminuite, dal 2007 al 2012 il numero delle rapine è rimasto relativamente stabile, con una flessione del 4% tra il 2007 e il 2012. A fronte del rilevante calo del numero di rapine registrato negli Stati membri baltici (-46% in media nel periodo 2007–2012) e in Scozia (-40%), alcuni paesi hanno rilevato per contro un forte aumento. Tra il 2007 e il 2012 il numero delle rapine è più che raddoppiato a Cipro, in Danimarca e in Grecia.criminalita-in-europa

Abou El Khir Badreddine, Michael Rossi,
Mirco Passarella, Alessandro Greggio, 3D

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *